Studio tecnico Roma | DIA e DIA in Sanatoria
558
single,single-post,postid-558,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

DIA e DIA in Sanatoria

13

07 Dic DIA e DIA in Sanatoria

” La compilazione della Denuncia di Inizio Attività (DIA) è uno dei servizi che mettiamo a disposizione a Roma. Scopri quando bisogna presentarla! “

DIA e DIA in Sanatoria: tutto sulla Denuncia di Inizio Attività
La DIA, Denuncia di Inizio Attività, è un documento importante necessario allo svolgimento di alcune attività. Sebbene a partire dal 2010 sia stata sostituita dalla SCIA in moltissimi ambiti, in alcuni casi è ancora valida e può essere utilizzata. Continuate a leggere per scoprire quando bisogna presentarla e se avete bisogno di un professionista esperto, contattateci per fissare un appuntamento!

DIA a Roma: ecco quando è ancora valida
La Denuncia di Inizio Attività è valida principalmente in 3 casi:
– quando si ha la necessità di effettuare interventi di ristrutturazione edilizia sugli immobili;
– nel caso di varianti i corso d’opera ad istanze in validità;
– negli interventi in sanatoria (DIA in sanatoria).

A differenza della SCIA, la Segnalazione Certificata di Inizio Attività, una volta presentata la DIA i lavori possono iniziare 30 giorni dopo e, in ogni caso, non prima di aver eventualmente ottenuto 2 importanti autorizzazioni:
• l’autorizzazione antisismica del Genio Civile nel caso di interventi in cemento armato e materiali simili;
• il rilascio del nulla osta nel caso di immobili sottoposti a particolari vincoli da Enti specifici.

Ottenute queste due autorizzazioni e trascorsi i 30 giorni dalla consegna della DIA è possibile dare inizio ai lavori. Trattandosi di un documento oneroso, bisogna anche aver pagato la tariffa indicata dal Comune. In base alla superficie lorda del progetto questa può variare dai 200,62 € ai 1001,24 €.

La DIA in sanatoria: le sanzioni e le modalità di presentazione
Se i lavori vengono avviati prima della presentazione della DIA oppure se al momento della sua presentazione sono già terminati occorre effettuare un altro procedimento: la DIA in sanatoria. In questo caso gli oneri da corrispondere sono diversi che possono corrispondere al doppio dell’incremento del valore di mercato dell’immobile determinato dai lavori effettuati oppure, nel caso in cui questo non fosse accertabile, al triplo del costo di costruzione dell’opera realizzata. Se avete le necessità di presentare una DIA o una DIA in sanatoria a Roma, il nostro studio tecnico può esservi d’aiuto! Contattateci per fissare un appuntamento!