Studio tecnico Roma | Come calcolare la TASI
605
single,single-post,postid-605,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Come calcolare la TASI

Come calcolare la TASI

12 Dic Come calcolare la TASI

Tutte le informazioni per calcolare la Tasi, la Tassa sui Servizi Indivisibili a Roma. Entra e scopri cosa comprende, a chi spetta e quando bisogna effettuare il pagamento! 

Come calcolare la Tasi, la Tassa sui Servizi Indivisibili a Roma
Insieme all’IMU e alla TARI (ex-TARSU), la TASI ovvero la Tassa sui Servizi Indivisibili è una delle tre parti dell’Imposta Unica Comunale ed è stata istituita in seguito all’introduzione della Legge di Stabilità del 2013.

Continuate a leggere per scoprire qualche dettaglio in più questa tassa e se avete bisogno di un professionista, sono a vostra disposizione; contattatemi!

TASI: ecco cosa sono i servizi indivisibili
La TASI racchiude in sé una serie di servizi messi a disposizione della collettività da parte del comune di appartenenza. Vengono chiamati indivisibili perché tutti ne beneficiano indistintamente tanto che è impossibile quantificarne l’uso da parte del singolo cittadino.

I servizi che entrano in gioco nel pagamento della TASI sono diversi e tra di essi spiccano:

  • il servizio di polizia locale;
  • la protezione civile;
  • il servizio di viabilità;
  • la manutenzione del verde pubblico;
  • la tutela dell’ambiente, del territorio, degli immobili comunali;
  • la tutela del patrimonio artistico, storico e culturale;
  • il servizio di illuminazione pubblica;
  • i servizi cimiteriali e quelli socio-assistenziali;
  • i servizi relativi alla cultura e allo sport.

Spetta ai singoli comuni stabilire quali servizi far rientrare nel pagamento della TASI e per questo le tariffe possono variare sensibilmente da un comune all’altro.

Come viene calcolata la TASI?
Il calcolo della TASI parte dalla rendita catastale degli immobili. Questa, in particolare, viene prima rivalutata del 5% e poi moltiplicata per il coefficiente relativo al tipo di immobile.

Non è finita qui. Al risultato ottenuto va aggiunta l’aliquota comunale e sottratte eventuali detrazioni. L’aliquota comunale, inoltre, è a discrezione del comune di appartenenza il quale può decidere di applicare un aumento fino allo 0,8 per mille.

A chi spetta il pagamento della TASI e come bisogna effettuarlo?
Il pagamento della TASI spetta sia ai proprietari di immobili, sia agli affittuari e viene pagata sotto forma di autoliquidazione tramite un bollettino postale o il modulo F24. Al pari della TARI, anche in questo caso sono previste 2 scadenze semestrali.

Per conoscere l’importo da pagare a Roma, è possibile usufruire del servizio online di calcolo messo a disposizione sul sito ufficiale del Comune di Roma.

Avete bisogno di maggiori informazioni? Contattate il nostro studio tecnico!